Lacryma Christi “Crucem” – D.O.P. (Tenuta Augustea)

Lacryma Christi “Crucem” - D.O.P. (Tenuta Augustea)

Lacryma Christi “Crucem” - D.O.P. (Tenuta Augustea)

€ 22,00

Il nome Lacryma Christi affonda le sue radici in leggende antiche. La più diffusa è quella che vuole che Lucifero, nella sua discesa agli inferi, abbia portato via con sè un pezzo di Paradiso. Gesù, riconoscendo nel Golfo di Napoli il Paradiso rubato, pianse lacrime copiose e dalle sue lacrime nacquero i vigneti del Lacryma Christi. Secondo le testimonianze storiche la tradizione enologica del Vesuvio ha origine secoli prima di Cristo. Secondo Aristotele, infatti, i Tessali, antico popolo della Magna Grecia, impiantarono le prime viti sul Vesuviano nel V secolo a.C.. Cinque secoli più avanti Marziale scrisse: "Bacco amò queste colline più delle native colline di Nisa". Dopo l'avvento del Cristianesimo i monaci che qui vivevano nella "torre" continuarono la coltivazione del vino "greco": il vino che grazie all'opera di contadini ha dato il nome alla città di Torre del Greco.
Caratteristiche Organolettiche: Il colore rosso rubino, quasi come la lava del Vesuvio. Profumo gradevole, di frutta rossa e spezie, sapore: secco e e corposo, Piedirosso 100%.
Abbinamenti e modo di servizio: è un vino corposo per cui si adatta bene a pasta con sughi di carne, arrosti e formaggi piccanti.
Temperatura di servizio: 14° - 16°
Gradazione alcolica: minimo 12%