VINI BIANCHI – CAMPANIA

  • BIANCHI – CAMPANIA

  • Biancolella - D.O.C. (Casa d’Ambra)

    Biancolella – D.O.C. (Casa d’Ambra)

    € 25,00

    Zona di Produzione Ischia. Tenuta Frassitelli (Pietra Martone e Tifeo) quattro ettari di vigneto in forte pendenza 600 metri dal livello del mare, con esposizione a Sud Sud-Ovest. Le lavorazioni viticole sono facilitate da un particolare trenino a cremagliera installato nel vigneto. Uve Biancolella 100%. Tecnica di produzione Vinificazione in bianco con decantazione a freddo del mosto e controllo della temperatura in fase di fermentazione. Contatto prolungato dei lieviti dopo fermentazione (batonage).
    Caratteristiche Organolettiche: Colore Giallo paglierino. Profumo Fruttato floreale, fine, con sentore di banana e di fiori di ginestre. Sapore Intenso, delicato, persistente.
    Abbinamenti e modo di servizio: Antipasti, primi piatti di pesce e pesce. Linguine agli scampi, coniglio di fossa.
    Temperatura di servizio: 12/14° C.
    Gradazione alcolica: 12 %

  • Biancolella “Frassitelli” - D.O.C. (Casa d’Ambra)

    Biancolella “Frassitelli” – D.O.C. (Casa d’Ambra)

    € 30,00

    Zona di Produzione Ischia. Tenuta Frassitelli (Pietra Martone e Tifeo) quattro ettari di vigneto in forte pendenza 600 metri dal livello del mare, con esposizione a Sud Sud-Ovest. Le lavorazioni viticole sono facilitate da un particolare trenino a cremagliera installato nel vigneto. Uve Biancolella 100%. Tecnica di produzione Vinificazione in bianco con decantazione a freddo del mosto e controllo della temperatura in fase di fermentazione. Contatto prolungato dei lieviti dopo fermentazione (batonage).
    Caratteristiche Organolettiche: Colore Giallo paglierino. Profumo Fruttato floreale, fine, con sentore di banana e di fiori di ginestre. Sapore Intenso, delicato, persistente.
    Abbinamenti e modo di servizio: Antipasti, primi piatti di pesce e pesce. Linguine agli scampi, coniglio di fossa.
    Temperatura di servizio: 12/14° C.
    Gradazione alcolica: 12 %

  • Coda di Volpe “Amineo” – I.G.T. (Cantine del Taburno)

    € 20,00

    Vitigno antico conosciuto dai tempi di Plinio come Caudas Vulpium Imitata, ben acclimatato alle pendici del monte Taburno, zona di produzione in terreni ricadenti nell’area di produzione D.O.C. Taburno.
    Esposto terreni collinari a 200-600 metri s.l.m. esposti a sud-est in un terreno marne argillose calcaree.
    Viene allevato raggiera e/o spalliera (Guyot). Epoca di vendemmia a fine settembre, conduzione del raccolto manuale. Le uve raccolte al momento della loro completa maturazione, dopo diraspatura e pigiatura vengono sottoposte a pressatura soffice. Il mosto ottenuto fermenta alla temperatura di 15°C in serbatoi di acciaio inox. Viene preimbottigliato per 4 mesi in barriques di rovere.
    Caratteristiche organolettiche: Il colore è giallo paglierino, l’aroma, delicato e complesso, è decisamente fruttato. Al sapore è pieno ed equilibrato e presenta un finale persistente di frutta esotica ben matura.
    Abbinamenti: Ottimo con crostacei, grigliate di mare o carni bianche
    Temperatura di servizio: 10°/12° C
    Gradazione alcolica: 12,5% vol.

  • Costa d’Amalfi “Furore Bianco” - D.O.C. (Marisa Cuomo)

    Costa d’Amalfi “Furore Bianco” – D.O.C. (Marisa Cuomo)

    € 35,00

    Uve: Falanghina 60% e Biancolella 40%. Zone e comuni di produzione sono Furore e comuni limitrofi ad una esposizione e altimetria in terrazzamenti costieri a 200/550 metri sopra il livello del mare, esposti a sud. Tipologia del terreno rocce dolomitiche-calcaree, sistema di allevamento in Pergola e/o raggiera atipica, spalliera. Epoca di vendemmia nella prima decade di ottobre la conduzione del raccolto manuale. Le uve raccolte manualmente giungono in cantina integre, dopo diraspatura e pigiatura vengono sottoposte a pressatura soffice. Il mosto fiore, previo illimpidimento statico a freddo e inoculo di lieviti selezionati, fermenta alla temperatura di circa 15° per circa 20/30 giorni. Modalità e durata maturazione preimbottigliamento stazionamento per 4 mesi in serbatoi di acciaio inox.
    Caratteristiche organolettiche: Colore giallo paglierino scarico e delicato profumo di frutta che riporta agli inconfondibili odori mediterranei della zona di origine. Il sapore è ampio ed equilibrato con una lieve dominanza della nota acidula a sostegno della freschezza degli aromi.
    Abbinamenti e modo di servizio: Abbinamenti: piatti a base di pesce, in particolare crostacei e frutti di mare; formaggi di media stagionatura.
    Temperatura di servizio: 12-14°C.
    Gradazione alcolica: 13,5%.

  • Falanghina “Rocca dei Leoni” – I.G.T. (Villa Matilde)

    € 22,00

    Falanghina Roccamonfina IGP – Villa Matilde. In Campania la falanghina origina da sempre ottimi vini bianchi. È il vitigno a bacca bianca principe dell’Ager Falernus, la zona ai piedi del Monte Massico, dove svetta il vulcano spento Roccamonfina che dà il nome a questo vino.
    Caratteristiche Organolettiche: Ha colore giallo paglierino tenue. Il profumo è fruttato e floreale: sentori di ananas, banana, pesca gialla si intrecciano a note di ginestra, rosa e salvia. Il sapore, equilibrato e piacevole, aggiunge all’esperienza olfattiva sensazioni delicatamente ammandorlate.
    Abbinamenti e modo di servizio: Vino da consumare come aperitivo e in abbinamento a piatti leggeri, preparazioni di pesce e carni bianche.
    Temperatura di servizio: 10°-12°C
    Gradazione alcolica: 12.5%

  • Falanghina “Via del Campo” – D.O.C. (Quintodecimo)

    € 55,00

    In terra d’Irpinia, nel cuore dell’areale della Docg Taurasi, sul crinale esposto a nord-ovest della collina di Mirabella Eclano, l’azienda Quintodecimo. Un omaggio all’antica storia di Aeclanum, primitivo insediamento nella fertile valle del fiume Calore.
    Successivamente distrutta e chiamata Quintum decimum, per le sue 15 miglia dalla vicina Benevento.
    Una Falanghina in purezza, vinificata attraverso le tecniche più rigorose, in rispetto della naturalità del vitigno e del suo corredo genetico. Nessuna forzatura, nessun imprinting personale a travisarne la personalità. Semplicemente la voce della cultivar campana. Un calice nato da uve provenienti dall’omonima vigna, piantata nel 2004 proprio a Mirabella Eclano.
    Falanghina Via del Campo è ottenuto da uve provenienti unicamente dall’omonimo vigneto.
    Dopo la pressatura, il mosto fermenta in parte in acciaio, e in parte in barriques nuove. Otto i mesi di permanenza sulle fecce fini, con periodici e leggeri batonnage.
    Caratteristiche Organolettiche: è dorato e lucente alla vista, profumato di frutti bianchi, fiori di campo, erbe balsamiche.
    Al palato è sapido e minerale, dotato di una peculiare acidità che gli consente di crescere in complessità col passare del tempo, per quanto piacevolissimo fin da subito.
    Abbinamenti: Antipasti di pesce, Piatti vegetariani, Primi di pesce.
    Temperatura di servizio: 8/10 °C
    Gradazione alcolica: 14%

  • Falanghina del Beneventano – I.G.T. (Cantine Moio)

    € 20,00

    La Falanghina è ottenuta dalla vinificazione in purezza dell’uva omonima coltivata in Campania.
    Caratteristiche Organolettiche: E’ un vino dal colore giallo paglierino con un odore delicato di mela verde e frutta esotica. Al gusto è morbido, dotato di una buona persistenza aromatica con sentori di menta, timo e finocchietto selvatico.
    Abbinamenti e modo di servizio: La Falanghina è un vino da bere giovane, capace di esaltare il gusto del pesce e dei frutti di mare. Ottimo per accompagnare un piatto di spaghetti a vongole o con i ricci di mare. Polpo e scampi trovano nel suo sapore un abbinamento perfetto. Il pesce, che sia al forno o alla griglia, trova nella Falanghina una complice d’eccezione. Fermo o spumantizzato, fresco è ottimo per un aperitivo leggero e gustoso. Buono anche con i formaggi, soprattutto quelli freschi e la mozzarella di bufala. Da provare anche con minestre di legumi o zuppe di funghi.
    Temperatura di servizio: i 9/10° C.
    Gradazione alcolica: 13,5%

  • Falerno del Massico – D.O.C. (Villa Matilde)

    € 25,00

    Dalla Falanghina degli antichi romani, “vinum album Phalanginum”, nasce, vinificato in purezza, il Falerno del Massico bianco.
    Si vinifica mediante criomacerazione delle uve per ottenere una maggiore estrazione aromatica e di struttura. Segue una pressatura soffice e una decantazione a freddo del mosto che successivamente fermenta ad una temperatura controllata di 10/12° C per circa 20 giorni. Viene affinato in acciaio inox per 3 mesi, le uve utilizzate sono Falanghina 100% (biotipo falerna). Le aree di produzione sono San Castrese – Sessa Aurunca.
    Caratteristiche Organolettiche: Di colore giallo paglierino e profumo profondo ed elegante, rivela sentori di frutta matura fra cui risaltano ananas, banana, pesca gialla, pera Williams, crema pasticcera, fiori di ginestra e rosa, delicate note di salvia e vaniglia. Il sapore, equilibrato, vellutato, ricco e persistente, ha spiccata finezza e personalità.
    Abbinamenti: A tutto pasto, il Falerno del Massico di Villa Matilde vino bianco che ben si abbina a primi piatti ricchi e gustosi. Ravioli di spigola con pomodorini ed olive.
    Temperatura di servizio: 10/12° C
    Gradazione alcolica: 13%

  • Fiano di Avellino “Béchar” - D.O.C.G. (Antonio Caggiano)

    Fiano di Avellino “Béchar” – D.O.C.G. (Antonio Caggiano)

    € 25,00

    Il Fiano di Avellino Béchar è opera di Antonio Caggiano, produttore campano della zona di Avellino. È composto da Fiano in purezza, proveniente da vigneti collocati ad un’altitudine di 400 m.s.l.m. dai quali viene estrapolata la selezione delle uve migliori. L’intero processo di vinificazione e di affinamento è svolto all’interno di vasche di acciaio. Prima di affacciarsi sul mercato, questo Fiano di Avellino sosta per un breve tempo in bottiglia.
    Caratteristiche Organolettiche: Giallo paglierino limpido e luminoso. Al naso è intenso, fruttato e floreale, connotato da una traccia sulfurea e da un ricordo di frutta secca. In bocca mostra un quadro completo e preciso in tutte le sue componenti. La sapidità vulcanica apporta la sua firma riconoscibile e caratteristica. Un vino fresco e, al contempo, ricco di carattere.
    Abbinamenti: è un vino a tutto pasto, si abbina a primi a base di pasta (ottima con le vongole) e risotti a base di frutti di mare, ombrina con pomodorini e olive.
    Temperatura di servizio: 12° C
    Gradazione alcolica: 13,5%

  • Fiano di Avellino “Exultet” - D.O.C.G. (Quintodecimo)

    Fiano di Avellino “Exultet” – D.O.C.G. (Quintodecimo)

    € 55,00

    Exultet è il nome di una antica pergamena rivenuta a Mirabella Eclano, dove ha sede Quintodecimo, l’azienda vinicola del professor Luigi Moio, che ha scelto di battezzare con questo nome la sua magistrale interpretazione del Fiano di Avellino.
    Nato da uve provenienti da una sola vigna di Fiano situata a Lapio, e maturato in parte in piccole botti di rovere, Exultet è dotato di grande armonia ed eleganza, oltre che di una longevità straordinaria per un bianco, dato che può evolvere, rimanendo giovane, vent’anni e più.
    Fruttato e minerale all’olfatto, fresco e persistente al palato, racchiude tutta la scienza, la conoscenza, la poesia e l’amore del professor Moio per il suo territorio, la vite, il vino. Vinificazione Breve permanenza, durante la fermentazione, in piccole botti di rovere.
    Caratteristiche organolettiche: Colore: Giallo luminoso con riflessi verdognoli. Apertura olfattiva raffinata e coinvolgente grazie alle sensazioni di miele, salvia, pesca gialla e nocciole. Gusto caldo e potente, dotato di ottimo bilanciamento, con struttura puntellata da un’appagante spinta fresca e sapida.
    Abbinamento: Pasta e risotti con il pesce, verdure e torte salate, formaggi freschi come burrata, stracciatella, mozzarella di bufala.
    Temperatura di servizio: 12° C
    Gradazione alcolica: 13,5%

  • Fiano Paestum “Trentenare” - I.G.T. (Azienda Agricola San Salvatore)

    Fiano Paestum “Trentenare” – I.G.T. (Azienda Agricola San Salvatore)

    € 30,00

    Una terra con condizioni pedologiche e climatiche ottimali, dove già i Greci, quasi 3000 anni fa, avevano impiantato i loro vigneti: il Parco nazionale del Cilento, in un’area compresa e distribuita tra Stio, Paestum e Giungano. A 700 metri dalla vigna e ad un tiro di sguardo dai Templi, che la moderna cantina, dotata di un impianto fotovoltaico da 96Kw che consente di ridurre al minimo l’immissione di anidride carbonica nell’atmosfera. Si tratta di un’azienda agricola di 97 ettari, di cui 21,5 di vigneti ed il resto divisi tra frutteti, uliveti e bosco, e 450 bufale che esporta in tutto il mondo, dall’Australia agli Stati Uniti. Vino prodotto a Capaccio-Paestum in località Cannito con uve fiano 100%, viene coltivato ad un altitudine 150-210 metri sopra il livello del mare con esposizione sud-sud ovest, il tipo di terreno argilloso-calcareo, sistema di allevamento spalliera con potatura guyot, la potatura e legatura avviene con salici, la defogliatura, diradamento, vendemmia in modo manuale. La raccolta manuale, in piccole cassette di plastica. Le uve vengono piagiate e diraspate portate a 4°C e criomacerate per 6 ore.Dopo la fermentazione svolta in tini di acciaio a bassissima temperatura, si affina per 6 mesi sulle proprie fecce fini.
    Caratteristiche Organolettiche: il colore di questo vino bianco è giallo, tendente all’oro. Il profumo è fruttato, caratterizzato da sentori di ananas, pesca e albicocca. Al palato risulta essere un Fiano di Paestum dal sapore pieno, notevolmente sapido e molto equilibrato. Mantiene le sue caratteristiche degustative per 3-5 anni.
    Abbinamenti e modo di servizio: è ottimo se abbinato a crudi di pesce, primi piatti di mare, crostacei e antipasti delicati, ma lo consigliamo anche sulla pizza napoletana, in particolare sul ripieno al forno.
    Temperatura di servizio: 8-10 °C
    Gradazione alcolica: 13 %

  • Greco di Tufo “Devon” – D.O.C.G. (Antonio Caggiano)

    € 25,00

    l greco di Tufo è senza dubbio uno dei vitigni più storici dell’avellinese, importato probabilmente dalla Tessaglia a opera degli antichi greci. Antonio Caggiano dalle uve di greco ricava questo generoso Greco di Tufo DOCG “Devon”. Dopo la fermentazione in acciaio, segue un periodo di affinamento in bottiglia di tre mesi. È giovane ed eclettico, particolarmente profumato e facile da abbinare alle più svariate pietanze. Piacevole.
    Caratteristiche organolettiche: Giallo paglierino brillante. Sentori di fiori di pesco e fiori di mandorlo si uniscono a profumi di frutta esotica, arrivando al naso in maniera gradevole e decisa. All’assaggio è ricco, pieno e particolarmente persistente.
    Abbinamento: Ottimo con la pizza Margherita, si abbina anche benissimo a tutte le preparazioni a base di pesce o di carne bianca. Da provare con lo scorfano al forno con i peperoni.
    Temperatura di servizio: 8/10 °C
    Gradazione alcolica: 14%

  • Greco di Tufo “Giallo d’Arles” - D.O.C.G. (Quintodecimo)

    Greco di Tufo “Giallo d’Arles” – D.O.C.G. (Quintodecimo)

    € 55,00

    Tutti i bianchi di Quintodecimo nascono da vigneti dedicati ognuno a una specifica varietà, vini naturalmente influenzati dall’annata nell’espressione del loro carattere più caratteristico. Il Giallo d’Arles è un’interpretazione estrema e rigorosa del Greco di Tufo. Si tratta di un cru prodotto con le uve provenienti dall’omonima vigna che si trova a Tufo, nel cuore della denominazione. Il tipico colore giallo-oro è reso ancora più intenso dalla breve permanenza, durante la fermentazione, in piccole botti di rovere e dalla completa assenza di interventi di chiarifica. È così che nasce un bianco ricco e materico, di grande stoffa, tutto da scoprire.
    Caratteristiche Organolettiche: Giallo paglierino intenso. Al naso esprime una profonda mineralità fusa con note di albicocca e confettura di mela cotogna. Al palato è fresco, potente e raffinato, caratterizzato da una particolare ricchezza e da una straordinaria persistenza.
    Abbinamenti e modo di servizio: A tutto pasto, si abbina a ricchi primi a base di pesce, specie risotti, a torte salate, a zuppe e a vellutate di verdure.
    Temperatura di servizio: 8/10 °C
    Gradazione alcolica: 14%

  • Greco di Tufo “Vigna Cicogna” - D.O.C.G. (Benito Ferrara)

    Greco di Tufo “Vigna Cicogna” – D.O.C.G. (Benito Ferrara)

    € 30,00

    Armonico, complesso e contraddistinto da quel suo tipico e affascinante retrogusto di mandorla fresca, il “Vigna Cicogna” è uno di quei Greco di Tufo da non lasciarsi sfuggire, soprattutto quando gode di un’annata eccellente, come in questo caso. Prodotto dalla cantina “Benito Ferrara”, è un bianco magnifico, che consigliamo di lasciar riposare per qualche altro anno in bottiglia, così da goderne al meglio tutte le raffinate sfumature. Maturato per circa sette mesi in acciaio sulle fecce fini, regolarmente rimesse in sospensione, è un Greco di Tufo eccellente in tutto e per tutto, e favoloso nello specchio di bevibilità, perché come si sa, con tutti i grandi vini bisogna avere pazienza e mai fretta…!
    Caratteristiche organolettiche: Giallo paglierino intenso il colore, con profondi riflessi dorati. Il bouquet olfattivo è inizialmente composto da sentori floreali, di tiglio, ginestra e camomilla soprattutto, che poi cedono il passo a note fruttate di susina gialla e pesca, e a sfumature di pompelmo rosa e nocciola. La bocca risulta essere di buona struttura, fresca e minerale, lunghissima nella persistenza.
    Abbinamento: Ottimo con i crostacei, è perfetto da abbinare al tortino di scampi e patate.
    Temperatura di servizio: 8/10 °C
    Gradazione alcolica: 13%

  • Greco Paestum “Calpazio” – I.G.T. (Azienda Agricola San Salvatore) (BIO)

    € 30,00

    Il Paestum Greco IGT “Calpazio” dell’azienda agricola San Salvatore nasce da vigneti coltivati, in regime biologico, in provincia di Salerno. Affinato per circa 8 mesi in acciaio, è un vino ammaliante al naso e piacevolmente minerale al palato, in grado di invitare più e più volte al sorso.
    Caratteristiche organolettiche: Colore giallo paglierino. Al naso si esprime con sentori d frutta gialla matura e note di fiori bianchi. Al palato si presenta fresco, di ottima sapidità e di buon equilibrio.
    Abbinamento: Ottimo anche per allietare l’aperitivo, si sposa bene con i risotti a base di verdure e con i secondi di pesce.
    Temperatura di servizio: 8/10 °C
    Gradazione alcolica: 13%

  • Lacryma Christi del Vesuvio “Crucem” – D.O.P. (Tenuta Augustea)

    € 22,00

    Vino bianco, tipo di uve utilizzate Coda di volpe 90% e Falanghina 10%, viene coltivato nella zona Vesuviana in un terreno di tipo vulcanico ricco di potassio, il sistema di allevamento è a tendoni e spalliera, l’età media delle piante è di 14 anni. Viene vendemmiato ad ottobre e fermentato in vasche di acciaio per 18 giorni.
    Caratteristiche Organolettiche: Colore giallo dorato con profumo pulito. Sapore secco, morbido, asciutto e armonioso. Molto soffice al tatto dove si rileva una armonia acido/morbida con notevole spessore del corpo e persistente.
    Abbinamenti e modo di servizio: antipasti di mare, minestre e piatti a base di pesce.
    Temperatura di servizio: 8/10° C